PILOTI

TEAM

PREPARATORI



LE GARE

CLASSIFICA

CALENDARIO

AUTODROMI

REGOLAMENTO

PHOTO GALLERY



NEWS

RASSEGNA STAMPA

LIBRERIA



LINK


NEWS

BOTTA E RISPOSTA CON

Massimo Pigoli

Massimo Pigoli, campione Italiano Superproduzione, affronterà il 2003 col suo vecchio team, il Clever Cats, ma con una vettura completamente diversa.

Quali i programmi del Clever Cats nel Superprouzione italiano?

La squadra schiererà le due Alfa Romeo 147 che hanno corso a Macao con Nicola Larini e Gabriele Tarquini. La REM di Bergamo curerà l’aspetto tecnico. In liena di massima, gli effettivi del Claver Cats saranno gli stessi dell’anno scorso, compreso Bruno Chiazzaro. Abbiamo cercato di mantenere il più possibile gli uomini che hanno lavorato con noi nel 2002.

Ha già avuto modo di guidare la nuova macchina?

Purtroppo no, e questo mi preoccupa un po’, visto che la mia esperienza di pilota l’ho fatta tutta con trazioni posteriori. I primi test li svolgeremo alla fine di febbraio sulle piste di Vallelunga, Varano e Misano, tre circuiti diversi fra loro che ci permetteranno di saggiare la vettura in varie condizioni.

Quale sarà il livello tecnico del Superproduzione 2003?

Purtroppo ancora non è sicuro se ci saranno le BMW; spero che la CSAI si attivi per cercare di trovare un buon compromesso, aumentando il limite del regime di rotazione a 9000 giri o equiparando nel peso le BMW 320 alle Alfa.

Quali team temete di più per il 2003?

L’AGS dovrebbe essere molto competitiva, e poi ci metterei anche le due Clio che la MIG Power sta acquistando dall’Olanda. Ho avuto modo di seguire la serie olandese e devo dire che mi è sembrato un campionato molto competitivo.

Quanto ha Le ha “reso” la vittoria del 2002 in termini di notorietà e di “potere contrattuale” con gli sponsor?

Direi abbastanza. L’aver disputato una stagione di alto livello – al di là della vittoria finale – mi ha premiato in maniera soddisfacente. I miei sponsor sono stati contenti della promozione, che in fondo non è stata male. Quest’anno sembrava che avremmo avuto la copertura di LA7 ma l’accordo è saltato. Senza almeno una differita della gara, fatichiamo a trovare un budget adeguato. Speriamo che le Case si muovano per ottenere qualcosa.

Cosa cambierebbe del regolamento tecnico?

Mah, se proprio dovessi cambiare qualcosa introdurrei i cerchi da 17” ed un “look” un po’ più aggressivo, magari allargando i passaruota… ma si tratterebbe sempre e comunque di modifiche a carattere estetico, più che squisitamente tecnico. Con i cerchi da 17” le vetture diverrebbero “sovra-gommate” e sarebbero molto più facili da guidare.

Come giudica il regolamento del DTC che permette di intervenire sulla cilindrata originaria?

Penso sia un modo valido per avere qualche Casa in più, perché dal punto di vista tecnico non frutta alcun vantaggio a chi modifica il motore, tant’è vero che nel 2002 il campionato l’ha vinto la Ford, che aveva un propulsore non modificato. Personalmente sarei d’accordo ad introdurre anche in Italia la normativa del DTC, ma la CSAI per ora vuole restare in linea col regolamento FIA.

Costa davvero troppo il Superproduzione?

Per quello che attualmente rende, risponderei di sì. Se ci fosse il supporto della TV, certe spese sarebbero più giustificate; del resto se manca la promozione, diventa inutile investire nell’immagine. I costi della macchina pura e semplice non sono poi nemmeno così alti; ciò che incide davvero sul budget della stagione sono le spese “di contorno” (vedi hospitality, pubbliche relazioni…).

Cosa la preoccupa maggiormente alla vigilia della ripresa della stagione?

Ripeto, ciò che mi preoccupa di più è trovare un feeling adeguato con la trazione anteriore. Sarà importante la gionata di test collettivi a Misano; in quell’occasione potrò già fare i primi confronti con la concorrenza.



David Tarallo

 




Tutti i diritti riservati agli aventi diritto ©
Ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore, Netscape 6, risoluzione 800 x 600